Drupa 2012. Kurz e il foil digitale

Mi chiedevo giusto ieri che fine avesse fatto il cold foil per il quale, a detta di Heidelberg, l’Italia è mercato di riferimento. Eccolo qua in casa Kurz. A fianco alla stampa a caldo e di un nuovo sistema che si chiama Digital Metal! E già, anche la stampa a caldo diventa digitale. Più o meno. Stampo con una Hp una silhouette con inchiostro nero, poi accoppio un foil a registro con una macchina che lavora a 300 gradi. Attenzione il foil non è retinato come nel cold foil, ma è un pieno. A questo punto ritorno nella macchina digitale e sovrastampo il mio grafismo retinato. L’effetto è bello e si possono fare davvero tante cose. Peccato che i nastri ad oggi siano solo 4 e le 2 macchine non lavorino in linea. Più che il cold foil, mi sa che il Digital Metal può essere una vera alternativa alla stampa a caldo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...