Adobe va nel cloud

Novità in casa Adobe che, nel corso del Max 2013, ha annunciato che le nuove versioni delle sue applicazioni di punta per creativi non saranno più disponibili standalone, ma unicamente con abbonamento cloud. Le suite cambieranno nome e da Creative Suite, o CS come siamo abituati a chiamarle, diverranno CC ovvero Creative Cloud. Questo a partire da giugno con il lancio di Photoshop CCInDesign CCIllustrator CC, Dreamweaver CC e Premiere Pro CC. Non si potrà più acquistare l’ultima versione del software, ma bisognerà pagare un abbonamento mensile (circa 62 euro) per l’accesso alle applicazioni; i singoli programmi costeranno circa 25 euro/mese. Qui il piano delle offerte per l’Italia: https://creative.adobe.com/plans#individual_plans

Già con la CS6 Adobe aveva introdotto alcuni servizi cloud e introdotto la logica degli abbonamenti. Con questa nuova logica di distribuzione del software l’azienda americana cerca di contrastare la pirateria che affligge i sui prodotti: tutte le applicazioni infatti sono nel cloud, tranne Photoshop e Illustrator per i quali occorre la connessione internet al momento dell’installazione e per la convalida periodica del codice.

La stessa logica verrà adottata anche da Microsoft per la prossima versione di Office e sicuramente diverrà uno standard per le aziende di software.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...