Eliminare una tinta piatta da un PDF (non convertirla)

Ho girato la rete in lungo e in largo, ma non ho trovato nulla di sensato per eliminare una tinta piatta da un pdf facendo sparire il canale relativo. Attenzione: sparire, non rimappare. Per questo c’è la Gestione Inchiostri.

L’obiettivo era usare Acrobat (o programmi analoghi): Twist della Dalim lo fa senza nessun problema, ma non è un prodotto consumer. E anche in Pitstop non ho trovato nulla che facesse al caso mio.

Il mio problema era un pdf con 5 colori (quadricromia + 1 tinta piatta) di un libro, nel quinto colore erano state messe le soluzioni agli esercizi. In stampa tutto bene: parte della tiratura a 5 colori, fermo macchina, tolta la lastra del quinto colore e ultima parte della tiratura a 4 colori.

Sotto, a sinistra il pdf originale (in celeste, nel canale Soluzioni, la tinta piatta da eliminare) a destra il risultato desiderato.

Schermata 2015-04-13 alle 16.19.04

Dallo stesso pdf andato in stampa avevo bisogno di realizzare una versione in RGB, solo che con una conversione da CMYK+tinta piatta in RBG il 5 colore sarebbe rimasto.

Alla fine ho trovato questa soluzione che condivido.

A documento aperto in Acrobat, creare una nuova azione di correzione con Strumenti/Verifica Preliminare

Senza titolo

Selezionare l’icona della Chiave Inglese

Senza titolo1

Scegliere il menu Opzioni/Creazione nuova correzione di Verifica Preliminare

Senza titolo2

Nella finestra che appare scegliere Spazi colore, colori tinta piatta; da qui selezionare Uniforma aspetto colori tinta piatta e spostarsi nella tab Libreria campioni personalizzata

Senza titolo3

Qui nel campo Nome inserire il nome della correzione da salvare nelle librerie di Verifica Preliminare

Senza titolo4

Inserire nel campo nome in basso il nome esatto del pantone o della tinta piatta così come compare in Anteprima di Output e lasciare i valori di CMYK a 0. In questo modo si corregge la tinta piatta in un colore di quadricromia con tutte le forze a 0. Attenzione: una quadricromia con le forze a 0 è un bianco e non un NON colore, il che vuol dire che questo metodo funziona solo se la tinta piatta lavora su un fondo bianco o se il bianco così fatto non è in foratura.

Alla fine dell’elaborazione l’azione restituisce il risultato

Senza titolo6

Da Anteprima di Output si può verificare che le forze della tinta piatta ora sono a 0

Senza titolo7

Scegliere Gestione Inchiostri e rimappare la tinta piatta sulla quadricromia, fleggando Converti tutte le tinte piatte in quadricromia

Senza titolo8

Et voià, la tinta piatta è sparita!

Senza titolo9

 

Da RGB a CMYK… on line

Avete mai visitato www.rgb2cmyk.org? Lo dice il nome: è un sito che consente di passare le immagini da rgb alla quadricromia, senza utilizzare strumenti professionali, ma con pochi clic di mouse. Non solo: alla conversione in formato .tiff o .jpeg (partendo anche da .bmp e .png) è possibile applicare un profilo colore certificato ICC a scelta tra un’ampia gamma, a seconda del supporto e della tecnologia di stampa che saranno usati. Il che consente di ottenere risultati davvero professionali con un utilizzo molto semplice del tool gratuito.

Schermata 2013-05-17 alle 19.49.21

Il Pantone del 2013? PANTONE 17-5641 Emerald

E’ il classico verde smeraldo -come la speranza (il che non guasta)- il colore scelto da Pantone per il 2013.

Nel motivare la scelta Pantone sottolinea che il verde è il colore maggiormente presente in natura e anche quello che l’occhio umano riesce a percepire di più nello spettro dei colori. Qualche difficoltà in più per chi lo stampa… (vedi il mio precedente post del 5 marzo scorso) o per chi lo indossa (chi di verde si veste di sua beltà si fida); certo è un bel colore che, tra l’altro, contrasta con quello scelto per il 2012: il tangerine tango!

Con riferimento alla Serie Plus di Pantone le conversioni sono le seguenti:

RGB: 0, 155, 119

CMYK: 99, 0, 69, 0

HTML: 009B77

Una roto 96 pagine al lavoro

Bello il video della Goss Sunday 5000 96 pagine di Grafiche Mazzucchelli dipsonibile sul sito dell’azienda e su youtube.

Questa è la prima 96 pagine realizzata Goss International: ha una larghezza di bobina di 2860 mm e tecnologia wide gapless. E’ in grado di stampare fino a 13 mt per secondo pari a 80.000 copie/h!

Per chi desideri approfondire sul sito di Goss è possibile trovare una ricca documentazione sulla 5000 e non solo.

Inchiostri metallizzati, pastello e neon – parte 1

I colori speciali nascono per sopperire alla mancanza di tinte ottenibili in quadricromia. Tanto più questo è vero per le librerie Pantone dedicate a colori metallici, fluorescenti e pastello: inchiostri che consentono, senza costose e complesse operazioni di nobilitazione post-stampa, di ottenere effetti davvero sorprendenti.

Continua a leggere

E’ tutta un’illusione…

… non ci credete? guardate l’immagine immagine qui sotto.

Questa semplice gif animata è l’emblema di ore e ore di avviamenti, regolazioni cromatiche, gradi Kelvin, prove colore e noiose contestazioni. Mi spiego. Provate a osservare i 2 riquadri sulla scacchiera segnati con le lettere A e B. Sembrano assolutamente diversi: la A più scura, nettamente, della B eppure le due bacchette grigie che appaiono nell’animazione e uniscono le due aree svelano l’arcano. Sono assolutamente identiche. Anche se molti voi hanno già visto immagini di questo tipo e sanno  benissimo come i colori si influenzano tra di loro, conoscono il metamerismo e e i dettagli della teoria del colore, scommetto che resterete ancora una volta sorpresi di tutto ciò.