Pozzoni compie 100 anni e rispolvera il marchio “Elcograf”

Pozzoni compie 100 anni e dà nuova vita a Elcograf da stampamedia.net.

Annunci

Inchiostri metallizzati, pastello e neon – parte 1

I colori speciali nascono per sopperire alla mancanza di tinte ottenibili in quadricromia. Tanto più questo è vero per le librerie Pantone dedicate a colori metallici, fluorescenti e pastello: inchiostri che consentono, senza costose e complesse operazioni di nobilitazione post-stampa, di ottenere effetti davvero sorprendenti.

Continua a leggere

Stampare il bianco – parte 2

E se non è carta

Un discorso analogo vale per la stampa su materiali diversi dalla carta, prevalentemente laminati o supporti plastici, come pvc o pvn. Con i laminati, il bianco può essere usato come colore a sé o come supporto agli altri colori. In pratica il laminato, comportandosi come uno specchio, riflette il grafismo, influenzandone la cromia al cambiare della luce. Così, tutti i colori, bianco compreso, appaiono diversi a seconda di come li si guarda, e sicuramente sembreranno sempre più smorzati rispetto alla carta, pur avendo la particolare finitura metallica donata dalla laminazione. Continua a leggere

Come si fa un pantonario?

Vi siete mai chiesti come si stampa un pantonario? Su quali macchine (una KBA) o su quale formato carta (70×100 cm)? Su  Youtube ho trovato questo interessante video che svela tutte le fasi di lavorazione -stampa, raccolta e confezione- di una mazza della Pantone della serie Plus. Istruttivi i close-up di alcuni dettagli della macchina da stampa lungo le varie fasi, dal mettifoglio all’uscita, compresi la preparazione del colore e il caricamento del calamaio. Un curioso dietro le quinte che aiuta a capire quanto lavoro e quanta cura ci sono dietro questo preziosismo strumento di lavoro.

Il registro di stampa – parte 2

Grafismi fini, testi bucati, colori neutri: tre casi delicati

Nonostante tutti questi accorgimenti e supporti elettronici, la perfezione del registro resta, come si diceva, irraggiungibile. Per questo esistono delle tolleranze che non devono in nessun modo influire sensibilmente sulla qualità finale di uno stampato. Al di là della norma DIN-ISO 12 647-2 del 2006 che parla di 0,08 mm di tolleranza, un fuori registro non deve essere percepibile a occhio nudo nella stampa di testi colorati o immagini, pur esistendo grafismi pericolosi come lettere colorate molto piccole (sotto il corpo 7 pt) o scavati in un fondino pieno, ovvero filetti o cornici molto sottili, magari curve. Continua a leggere

Il registro di stampa – parte 1

C’è un difetto di stampa che tutti siamo in grado di riconoscere; lo abbiamo incontrato fin da bambini, quando avevamo la sfortuna di imbatterci in un fumetto vistosamente illeggibile in cui i colori sembravano impazziti. È il “fuori registro”. Condizione indispensabile di ogni stampato, l’essere a registro è il primo passo per un lavoro ben fatto, di qualità. Vale la pena allora approfondire la conoscenza di questo fondamentale aspetto dell’arte tipografica. Continua a leggere

Gutenberg’s World 2.0

Anche se ormai è stato pubblicato nel 2010, vale la pena ricordare l’esistenza di Gutenberg’s World 2, un agile e semplice manuale di Stefano Testagrossa dedicato “alla felice convivenza tra creativi e tipografi”. In sole 36 pagine l’autore riesce non solo dispensare utilissimi consigli sulle più elementari cose da fare prima di mandare in stampa un file, ma spiega con precisione l’importanza delle abbondanze e dei refili, della risoluzione delle immagini e della differenza tra CMYK e RGB, soffermandosi sui Pantone, sul “solo nero” e sul “nero ricco”. Il tutto con parole chiare e piglio scherzoso che rendono il testo davvero efficace. Alla prima edizione, già ricca, si aggiungono in questo aggiornamento i seguenti argomenti:
– come funziona la stampa offset a foglio;
– come calcolare fogli, formati e impianti stampa;
– come leggere un foglio macchina;
– cosa (e come) chiedere informazioni ad un tipografo.
Tutte cose che si dovrebbero sapere, ma che troppo spesso si ignorano (o si dimenticano) e che ingenerano spesso incomprensioni quando non contestazioni.

Questo è il link al pdf scaricabarile gratuitamente:
GutenbergsWorld2

Stefano ha anche un bel blog che vale la pena frequentare:
graficaedeliri.blogspot.com